Logo Primaria

Scuole aperte - Opportunità per l'AGe

Paolo Ferrentino 15/06/2014

Il concetto di Scuole Aperte prende spunto dalla considerazione non nuova che gli edifici scolastici o parte di essi rimangono vuoti per gran parte della giornata  una volta terminate le attività frontali cioè le lezioni, e  da giugno a settembre.
Gli immobili sono un patrimonio da non sperperare tenendoli chiusi, soprattutto in un epoca in cui le scuole sono al collasso economico.
In diverse scuole i genitori, con l’aiuto del dirigente scolastico,  hanno creato delle associazioni a livello di istituto per rispondere meglio alle esigenze delle famiglie e degli alunni frequentanti. Il fenomeno alquanto  spontaneo e osservato da Indire ha innescato qualche riflessione e di conseguenza all’iniziativa di Scuole Aperte con cui si intende sostenere e  propagare le esperienze delle scuole eccellenti.
I teorici coniugano il concetto di Scuole Aperte secondo due assi:
• modelli didattici d’eccellenza già sperimentati da mettere a fattor comune (Indire)
• spazi scolastici come crocevia delle relazioni del territorio per l’incremento di capitale sociale.


In pratica le esperienze narrano di attività ludiche, sportive e motorie fruibili nella palestra della scuola  a fronte di una iscrizione alle attività e  corrisposto dalle famiglie che così risparmierebbero rispetto ad analoghi servizi privati. L’associazione dei genitori gestisce le attività avvalendosi di personale interno ma soprattutto esterno, che retribuisce regolarmente , realizzando dei profitti che vengono donati alla scuola o utilizzati per lanciare nuove attività a beneficio dei genitori.
la scuola dal canto suo può ricavare ciò che lo stato non garantisce più.

Per dare sostanza a questa formula è necessario che vari attori abbattano gli steccati che hanno costruito e mantenuto nei passati decenni, anche a costo di qualche rischio.
1. Lo stato deve cedere realmente autonomia alle scuole
2. Le scuole devono cedere responsabilità alle associazioni di genitori
3. Gli EE.LL. devono condividere le responsabilità con le scuole in merito agli utilizzi dei locali.

In questo scenario è evidente come AGe sia chiamata ad assumersi una parte di responsabilità e a raccogliere una grande sfida per il rilancio associativo di cui si parla finalmente. Basti pensare al fatto che ogni associazione di ogni istituto  riesce a riunire mediamente 600 soci e questo dato dovrebbe bastare a far riflettere sul fatto che una associazione possa o debba rispondere ad esigenze “basiche” dei genitori.
Non è certo questo l’humus culturale di AGe, ma un’associazione deve essere in grado di sintonizzarsi sul tempo che vive senza per questo rinunciare la sua ricchezza  identitaria che può giocare come atout nel paniere di un’offerta diversificata. La parte stimolante quindi non consiste nel tipo di attività che si propone quanto il fatto di mantenere un contatto pieno con i giovani genitori (e le loro associazioni) da coltivare e coinvolgere nelle sfide educative, dominio e ricchezza di AGe e di pochissime altre associazioni.
Tutto sommato ciò che si propone Scuole Aperte è stato già fatto da Age nei suoi 40 anni di vita con una forza anticipatrice (forse troppa) che è un nostro punto d’orgoglio. Basti pensare alle tante iniziative delle associazioni locali, oppure al Premio Andrea per la scuola
Prendiamoci una pausa di riflessione e torniamo presto  a dibattere insieme questa opportunità per scatenare i nostri punti di forza nell’alveo di Scuole Aperte. Partiremmo con 40 anni di vantaggio!

 

  

articoli correlati:

 

Scuole Aperte alle iniziative di studenti e genitori 

 

Scuole aperte - Opportunità per l'AGe

 

Calendario scolastico e scuole aperte:SPAZI DI SCELTA PER I GENITORI 

 

Indire - Scuola Autonoma se ha governance propria, recluta il personale, proprietaria dell'edificio. 

 

L'insegnamento non serve se la scuola non è aperta 

 

Scuola aperta crocevia del capitale sociale 

 

Nasce a Milano il primo Ufficio Scuole Aperte 

 

C'è chi chiede contributi delle famiglie volontari ma più costanti

 

Scuole Aperte - l'associazione Cadorna 

 

 

 

 

 

 

Assistenza Tecnica

help deskPuoi ricevere gratuitamente un aiuto se hai problemi con il PC e il software che usi. Possiamo guidarti passo-passo sul tuo schermo mentre osservi.

Per fissare un appuntamento telefona o manda una mail ad  agelombardia<at>age.it sostituendo <at> con @

Twitter

Vai all'inizio della pagina